|

I colori dei romani La mostra mette in risalto l'antica arte del mosaico

1488 19 19 0 Condividi
959

Una nuova mostra d'arte musiva a Roma è disponibile per appassionati e visitatori. Non è grande, ma i pezzi scelti con cura sono qui per raccontare una storia. Il team di curatori ha scelto ognuno di loro per aiutare a presentare "uno spaccato significativo della cultura romana".

Fonte immagine Iperallergico

La mostra, aperta al Museo Centrale Montemartini fino a giugno 2022, è una tappa obbligata per i visitatori della città. I singoli pezzi sono stati ritirati da vari musei capitolini della capitale e alcuni non sono stati esposti da decenni.

Fonte immagine centralemontemartini.org

Le selezioni includono arte murale a mosaico e altro dal periodo compreso tra il I secolo a.C. e il IV. Questi sono mostrati accanto ad affreschi e sculture che arredavano gli edifici dei romani, fornendo un contesto e una visione delle loro tendenze e gusti. Ad esempio, vengono utilizzati i colori popolari del loro tempo. Immutati nel tempo, questi sono sorprendentemente luminosi e ben conservati. Abbiamo spesso parlato di come il nostro tipo di arte preferito sia più durevole di qualsiasi altra forma d'arte antica, ed è decisamente dimostrato qui. Ancora una volta, le opere d'arte a mosaico portano i tempi antichi nel presente, immergendo i visitatori in un mondo che non esiste più.

L'ingresso in quel mondo è stato assistito dalle quattro sezioni tematiche della mostra, che seguono un ordine cronologico. Ecco alcuni dei punti salienti per il tuo piacere di visione.

La prima area espositiva mette in mostra la storia e le tecniche di un romano mosaico. Le opere scelte rappresentano tutti i tipi di pavimenti a mosaico e decorazioni murali, illustrando tecniche, materiali, colori, motivi decorativi e il modo in cui la padronanza della forma d'arte è progredita.
Questa sezione del pavimento sembra piuttosto moderna, vero? È un esempio di "tessuto" mosaico del pavimento con inserti in pietre colorate (crustae), della fine del I secolo a.C. Il nome deriva dal loro schema, in cui le tessere erano state disposte a coppie in istruzioni alternate. Era solo l'inizio!

Fonte immagine centralemontemartini.org

Al contrario, questo pezzo del II secolo d.C. mostra come la disponibilità di tessere di mosaico più piccole (chiamate emblema) dalla Grecia abbia permesso agli artisti di creare immagini più dettagliate. Questo frammento presenta piastrelle policrome con calcite naturale.

Fonte immagine centralemontemartini.org

Questo è stato un progresso importante. Il mosaico divenne una forma d'arte rispettata e molto popolare e gli antichi romani iniziarono a usarlo ovunque. Pareti, fontane, tombe, templi: tutto era cosparso di arte musiva. Con il miglioramento dei materiali, sono migliorate anche le immagini. La prima sezione mostra come la disponibilità di vetri colorati, piastrelle sagomate e la richiesta di immagini realistiche abbiano creato mosaici pieni di vita e sfumature sottili.

Questa raffigurazione di un veliero è stata scoperta in una villa di proprietà di Claudio Claudiano, senatore e armatore di successo. Il movimento, i dettagli e la sottigliezza del colore creano un'immagine che sembra quasi tridimensionale.

Fonte immagine centralemontemartini.org

Nella seconda parte della mostra si esplora una sezione dedicata alla vita quotidiana a Roma tra la fine dell'età repubblicana e l'età tardo antica. Sono esposti mosaici policromi provenienti da residenze di lusso e altri spazi. La varietà di queste opere d'arte aiuta gli spettatori a immaginare come siano diventate parte della vita quotidiana, sia ornamentali che altamente funzionali. Sembra che gli antichi romani amassero l'arte del mosaico per le stesse ragioni per cui la amiamo noi: era resistente, non sbiadiva ed era facile da pulire.

Questa mappa della planimetria è un ottimo esempio. Dove oggi potremmo fare affidamento su un'insegna stampata, questo bel pezzo ha aiutato a guidare i visitatori dello stabilimento balneare! Con stanze, piscine e corsi d'acqua tutti codificati a colori, era un'opera d'arte funzionale.

Fonte immagine centralemontemartini.org

Questo incredibile Egiziano-l'arte del mosaico pavimentale a tema era destinata a scopi strettamente ornamentali. Fa parte di una villa di proprietà di uno sconosciuto appassionato della cultura. Tra i reperti c'era una statua di Ramses II del XIII secolo a.C. e questo pezzo, che mostra la vita quotidiana lungo le rive del Nilo.

Fonte immagine centralemontemartini.org

Sono esposti anche frammenti di mosaico provenienti da un'area della piscina. Questo pezzo con conchiglie è abbastanza simile alla moda per giardino grotte nel XVIII secolo.

Fonte immagine centralemontemartini.org

Ecco un po' di mosaico sistema con gli uccelli: starebbe bene in qualsiasi cucina moderna!

Fonte immagine centralemontemartini.org

La terza sezione entra nel regno della vita spirituale antica Roma, con alcuni magnifici pezzi della Basilica Hilariana. Questo pezzo della soglia presenta una potente protezione contro il Malocchio. Realizzata con piccole tessere di marmo, calcare e vetro, la composizione presenta un occhio al centro, ma poi si complica. Primo, viene trafitto da una lancia. Un gufo è appollaiato sopra, mentre una squadra che include una pantera, una capra, un toro, uno scorpione, un serpente e uccelli lo circonda. Poiché i romani credevano che potesse causare malattie e morte, era un potente simbolo di protezione per coloro che vi entravano.

Fonte immagine centralemontemartini.org

Man mano che la mostra si snoda nella quarta e ultima sezione, emerge uno sguardo alle pratiche funerarie dei romani. A differenza del candore assoluto che ci si potrebbe aspettare nei mausolei e nelle tombe, queste opere d'arte a mosaico sono piene di colore. Queste pavoni, ad esempio, sono stati rinvenuti in una tomba di famiglia del II secolo d.C.

Fonte immagine centralemontemartini.org


Come molti altri motivi, gli ornamenti funerari seguivano le tendenze. Ghirlande piastrellate di fiori e frutti erano popolari – una versione più permanente delle offerte floreali che decoravano le tombe durante le cerimonie commemorative. Visto anche di frequente: l'eterno ciclo delle stagioni annuali, ciascuna personificata e identificabile dai loro prodotti stagionali. Vedrai i fiori per la primavera e l'uva per l'autunno, per esempio.

Fonte immagine centralemontemartini.org

Ci siamo persi un gioiello di una mostra da qualche parte nel mondo? Facci sapere nei commenti di alcune delle tue opere d'arte musiva preferite nei musei!

Restate sintonizzati www.mozaico.com per le ultime notizie sul mondo dei mosaici!

Lascia un commento